Mondoperaio
Associazione Riaprire i Navigli



  • 18 maggio 2005 - Atto n. 2-00725 - Ristrutturazione di Electrolux di Parabiago

    Seduta n. 804

    BISCARDINI , BAIO DOSSI , CORTIANA , DALLA CHIESA , DE PAOLI , FABBRI , MACONI , MAFFIOLI , MALABARBA , MONTI , PAGLIARULO , PIATTI , PILONI , RIPAMONTI - Ai Ministri delle attivitÓ produttive e del lavoro e delle politiche sociali. -

    Premesso che:

    la Electrolux Outdoor Products Italy Spa (ex MEP Marazzini, acquisita dalla Electrolux nel 2001), con sede a Parabiago, Ŕ una azienda specializzata nella produzione di rasaerba, motozappe, trattorini e prodotti per il giardinaggio;

    lo stabilimento di Parabiago della Electrolux Ŕ una presenza imprenditoriale fra le pi¨ prestigiose dell┤intero territorio dell┤Alto Milanese, con una produzione specialistica rivolta ad una particolare area di mercato;

    i dipendenti sono attualmente 117 (70% operai e 30% impiegati a tempo indeterminato), cui si aggiungono circa 60 dipendenti operai a tempo determinato durante il periodo di alta stagione - da dicembre a maggio - e altri 100 dipendenti coinvolti nell┤indotto;

    il personale ha una qualificazione professionale media, con una etÓ media intorno ai 40 anni;

    il 20 aprile 2005 la multinazionale svedese ha comunicato di aver preso in considerazione la decisione di chiudere lo stabilimento di Parabiago nell┤ambito di una ristrutturazione europea che porterÓ alla chiusura del 50 % degli stabilimenti in Europa;

    di fronte a tale ipotesi, sono state assunte posizioni chiare sia dalle organizzazioni sindacali, che si sono dichiarate disponibili a discutere nel presupposto della salvaguardia di tutti gli stabilimenti del gruppo, sia dalle istituzioni locali, con l┤obiettivo di costituire un tavolo di lavoro comprensivo di tutti i soggetti interessati,

    si chiede di sapere:

    se i Ministri in indirizzo siano a conoscenza della annunciata ristrutturazione del gruppo Electrolux, che produrrebbe gravi danni per le produzioni nazionali;

    se non si ritenga necessaria l┤attivazione di un tavolo di confronto con le organizzazioni sindacali, i rappresentanti degli enti locali e la direzione centrale della Electrolux per affrontare la situazione occupazionale e produttiva e valutare ogni possibile soluzione.

    torna indietro »